ATTENZIONE: questo sito utilizza i Cookie tecnici e profilazione per garantire un accesso personalizzato e migliorare la navigazione dell’utente. Questo sito inoltre raccoglie dati statistici sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate. Accedendo al sito, ed accettando la Cookie Policy, si acconsente all’uso dei Cookie da parte del Gruppo De’Longhi in conformità ai termini qui di seguito indicati. Per saperne di più, leggi le condizioni d'uso. Condizioni d'uso
AGGIUNGI
CERCA
Preview mirko
Vi presentiamo Mirko de "Il Pranzo della Domenica"

Oggi conosceremo meglio Mirko, concorrente della trasmissione del Maestro Marchesi, di cui Kenwood è partner.

Kenwood è da sempre sinonimo di eccellenza tant'è che anche un grande nome della cucina italiana, come Gualtiero Marchesi, ha scelto i nostri prodotti per la sua trasmissione "Il Pranzo della Domenica". 

Abbiamo avuto il piacere di conoscere Mirko, uno dei protagonisti della trasmissione, ecco cosa ci ha raccontato.

Buongiorno Mirko, ci racconti qualcosa di lei.

Buongiorno, mi chiamo Mirko e lavoro come impiegato in un’azienda. Coltivo, da anni, la passione per la cucina: sia i nonni paterni, sia quelli materni amavano cucinare e sin dalla tenera infanzia mi hanno coinvolto nei loro esperimenti culinari. 
Cucinare si è trasformato, col passare del tempo, da bellissimo gioco a vera e proprio amore.

Durante il suo percorso si è ispirato a qualche grande nome? 

No, devo ammettere che non mi sono mai ispirato a nessuno in particolare; ho cercato, piuttosto, di seguire i miei gusti e di creare, basandomi proprio sulle mie preferenze in cucina. 
Amo molto studiare gli ingredienti, conoscere approfonditamente le materie prime e curare l’impiattamento: in questo mi è stato di grande aiuto il mio passato da cameriere. Lavoravo principalmente durante i matrimoni ed avevo l’opportunità di vedere da vicino grandi piatti che, puntualmente, riproducevo nella mia cucina. 

Qual è il suo cavallo di battaglia?

Senza ombra di dubbio il tortino di patate con fonduta di zafferano e tartufo: una vera delizia, soprattutto in abbinamento al filetto.

Ospiti improvvisi a casa e dispensa praticamente vuota: qual è il suo piatto “salva-cena”? 

Nella mia dispensa non manca mai la farina quindi punterei ad un primo piatto semplice ma gustoso come gli Strangozzi alla Spoletina conditi, però, con aglio olio e peperoncino.

La tecnologia in cucina ha cambiato il suo modo di lavorare? 

Assolutamente sì, ha reso ogni operazione più semplice. Cooking Chef, in particolare, mi ha aiutato tantissimo: è stato il regalo di nozze di mia suocera e devo dire che non poteva fare scelta migliore. Si è rivelato fondamentale in moltissime preparazioni: dai dolci, agli impasti fino alla cottura di piatti come polenta, spezzatino e risotti che richiedono continue attenzioni. 

Cosa l’ha spinta a partecipare a “Il Pranzo della Domenica”? 

Dietro la mia partecipazione al programma c’è una sfida con mia moglie. Anche lei è una grande appassionata di cucina tant’è che qualche mese fa si è iscritta ad un corso di cucina: potevo essere da meno? Non appena ho saputo del programma mi sono iscritto, adesso “battermi” sarà davvero difficile! 

Qual è il consiglio del Maestro Marchesi di cui farà più tesoro?

Il Maestro mi ha consigliato di usare meno ingredienti nei miei piatti per non correre il rischio di non esaltarli a dovere: un suggerimento preziosissimo di cui farò tesoro.

Articoli Recenti