Please enable JavaScript to view the<a href="https://disqus.com/?ref_noscript" rel="nofollow"> comments powered by Disqus.
ATTENZIONE: questo sito utilizza i Cookie tecnici e profilazione per garantire un accesso personalizzato e migliorare la navigazione dell’utente. Questo sito inoltre raccoglie dati statistici sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate. Accedendo al sito, ed accettando la Cookie Policy, si acconsente all’uso dei Cookie da parte del Gruppo De’Longhi in conformità ai termini qui di seguito indicati. Per saperne di più, leggi le condizioni d'uso. Condizioni d'uso
AGGIUNGI
CERCA
Preview estrattore di succo come funziona
Estrattore di succo come funziona

Entrato ormai a far parte degli elettrodomestici presenti in tutte le case, l'estrattore di succo possiede un ruolo di spicco in cucina. Questo perché le persone dedicano maggiore attenzione all'alimentazione e a uno stile di vita sano.

 

Sapevate che non sempre è possibile godere di tutti i benefici di frutta e verdura? Eliminare la buccia, infatti, significa togliere una parte che contiene numerose vitamine. Per fortuna, la tecnologia viene in aiuto con l'estrattore, grazie al quale le sostanze nutritive, essenziali per la salute, sono presenti anche nel succo.

 

Diversi sono i modelli in commercio, ma non è semplice scegliere, anche tra i migliori estrattori di succo sul mercato. Allora ecco alcuni consigli e informazioni utili che vi guideranno nell'acquisto.

 

Estrattore di succo a freddo: quale scegliere

I primi modelli di questo elettrodomestico iniziano ad apparire fin dagli anni Trenta negli Stati Uniti, ma solo negli ultimi tempi è diventato popolare in Italia e riconosciuto come uno strumento principe in ambito domestico. Le dimensioni, poi, con i modelli in verticale, salvano lo spazio delle cucine moderne. Tanti sono quelli attualmente in vendita: ma quali sono le caratteristiche utili a scegliere il più adatto per le proprie esigenze? Sicuramente:

  • il numero di giri
  • i materiali
  • il filtro
  • il motore
  • la qualità della plastica
  • il design

 

La bassa velocità del numero di giri ossigena pochissimo il succo ed è consigliata. I primi modelli giravano con una potenza di 120 giri al minuto, sostituiti nel 2008 con quelli a 80 giri e dal 2013 con quelli a 40. Il Pure Juice PRO JMP800SI di Kenwood, con i suoi bassi giri di rotazione al minuto (48 giri al minuto), consente di ridurre il surriscaldamento e l’ossidazione, perché il suo funzionamento a lenta rotazione (scrollingtechnology) permette di spremere frutta e verdura delicatamente senza rovinare frutta e verdura, rilasciando le sostanze nutritive e conservandole per un tempo più lungo.

 

Per ciò che riguarda i materiali sono consigliati quelli a minima cessione, salutari anche per l’ambiente. Materiali che non rispettano questo standard, posti a ossidazione dal continuo passaggio di succo a PH acido, modificano la loro struttura e a cedono sostanze nocive nei succhi.

 

Il motore: a differenza di quelli più potenti a corrente alternata (AC), il motore a corrente continua (DC) non si ferma durante l’estrazione davanti a un materiale più solido, ma rallenta il numero di giri. Questo permette un minor stress, facendo sì che il sistema di estrazione sia adoperabile più a lungo. Il Pure Juice PRO JMP800SI ha un motore silenzioso, di circa 240 W.

Il filtro è meglio che sia microforato e serve da barriera attraverso la quale il succo si separa dalle fibre per pressione: più sottile è il filtro e più smussati saranno i fori, e più il succo sarà puro e non ossidato. Il Pure Juice PRO JMP800SI ed è dotato di un sistema salva-goccia per evitare qualsiasi fuoriuscita di succo, oltre ad avere un doppio tubo d'inserimento.

 

Se vi interessa il connubio qualità-ambiente, la scelta per laplasticadi un estrattore di succo freddo può ricadere sulla BPA free, senza bisfenolo.

 

La scelta del design se da una parte è soggettiva, dall'altra è necessario che si sposi con la funzionalità dell'estrattore di succo freddo.

Estrattore di succo a freddo: differenza con la centrifuga

Meglio un estrattore di succo o una centrifuga? Dipende dal risultato che cercate di ottenere. Osservando i due elettrodomestici:

  • si può vedere come la centrifuga abbia lame con una rotazione ad altissima velocità (12-14000 giri al minuto), che tritano il tutto. Può essere a sé stante (prediletta da chi ama i centrifugati) o integrata all'interno di un robot da cucina. È consigliato aggiungere un olio (come quello di semi di lino o di canapa), una garanzia per le bevande, sia per le proprietà nutritive apportanti benessere (favorisce l'assorbimento delle vitamine liposolubili che, altrimenti, potremmo assumere solo attraverso i grassi), sia perché rende il succo più gradevole. Provate la Centrifuga AT641 di Kenwood per realizzare bevande salutari e gustose.
  • si nota come l'estrattore al posto delle lame abbia una coclea, una sorta di vite. Questa non spezza il cibo, ma lo mastica - motivo per cui viene detto anche masticatore - e procede alla spremitura fino all'estrazione della quantità di succo desiderata. Il suo scopo è ricavarlo dai cibi di origine vegetale, separandoli da ciò che è solido e ricco di fibre. Ciò che permette al Pure Juice PRO JMP800SI di catturare tutto il succo necessario sono proprio la coclea insieme al filtro.

A differenza della centrifuga, lo slow juicer - nome inglese dell'estrattore - fa uscire il succo pian piano, a basso numero di giri. Viene anche chiamato "a freddo" perché si presume che l'estrazione lenta non porti al riscaldamento dell'estratto causando la perdita delle vitamine, delle sostanze nutrienti e degli enzimi vivi. In realtà più che in questo, la causa dell'ossidazione è da ricercarsi nell'alto numero dei giri che incorporano più aria, facendo rovinare il prodotto più velocemente.

 

Attraverso l'ausilio dell'estrattore a freddo, si aiuta la digestione di frutta e verdura che, prive della parte solida e vitamine e minerali, vengono assorbite prima. Tra le sue peculiarità, questo elettrodomestico ha anche quella di poter creare latte di soia e di mandorla e di produrre meno scarti dei frutti e delle verdure utilizzati.

 

Non dimenticate il gusto: decidete anche in base a questo. Se preferite un succo molto liquido scegliete la centrifuga, altrimenti se vi interessa la polpa optate per l'estrattore.

Estrattore di succo: come si usa

Per la preparazione del succo, possono essere inserite anche le verdure in foglia, come spinaci e lattuga, mentre i noccioli più grandi vanno eliminati prima dell'uso. Nessun problema invece con i semi più piccoli che non inficiano il funzionamento. Gli agrumi, come l'arancia, vanno sempre sbucciati prima di essere inseriti nell'estrattore. Con il Kenwood Pure Juice Pro JMP800SI, però, non c'è bisogno di tagliare i frutti e le verdure prima di inserirli: il potente motore vi permetterà di ottenere ottimi risultati in pochi secondi. Inoltre, il filtro è in acciaio inox.

Quando frutta e verdura sono inseriti nella coclea, polpa e succo sono filtrati al fine di espellere solo le parti di scarto. Inoltre, grazie alla bassa velocità, potete aggiungere al succo dei bambini l'"odiata" verdura per far sì che abbiano il corretto apporto di minerali, vitamine ed enzimi, nonché la giusta dose di energia giornaliera. In vista dell'autunno potreste preparare loro succhi di frutta utilizzando frutta di stagione, come le mele.

 

In alternativa, potete scegliere un altro modello offerti da Kenwood come il Pure Juice JMP600WH che possiede una grande caraffa dove spremere insieme sia frutta e verdura insieme. Se preferite una consistenza più vellutata, è possibile filtrare il succo grazie al passino in dotazione. La parte fibrosa viene raccolta nel contenitore e può essere usata per insaporire polpette, zuppe o dolci.

Estrattore di succo: come si pulisce

Normalmente va risciacquato dopo ogni utilizzo, usate la spazzola e talvolta anche un detergente. Per eliminare le muffe, depositi, incrostazioni calcaree, usate una soluzione composta da due parti d’acqua e una parte di anticalcare; mentre una soluzione più naturale, può essere creata con un mix di acqua calda e acido citrico al 15%.


Per ciò che riguarda il modello Pure Juice JMP800SI, è utile sottolineare che il corpo centrale può essere smontato con facilità per essere lavato: così come le sue componenti interne. L'estrattore ha una funzione detta di risciacquo automatico. Si tratta di un lavaggio iniziale, che agevola il successivo fatto manualmente ed è molto utile per togliere i residui degli scarti più grandi. Anche il Pure Juice JMP600SI ha la propria funzione di risciacquo automatico. Rispetto al primo, è consigliato per chi opta per un uso più sporadico: se invece desiderate un estrattore da utilizzare più spesso, il Pure Juice JMP800SI è quello che fa per voi.

Ricette correlate

Articoli Recenti